Le mie giornate sono molto intense perchè ogni volta i progetti sono veramente ambiziosi.

Quella mattina siamo partiti molto presto da Belluno per andare a Torino all’ospedale “Regina Margherita” con tappa a Milano per incontrare lo sponsor KAWASAKI.

A viaggiare con me c’erano Mattia Cattapan di cui parleremo in una occasione tutta dedicata a lui e alla sua esperienza, Enrico Borsani dello staff VFL in versione filmer e io che come sono solito fare quando non sto alla guida mi dedico al lavoro telefonando e mandando email con il mio note book.

A metà mattinata ci siamo fermati a Milano presso la sede KAWASAKI per un meeting con il mio sponsor e organizzare la stagione. Dopo un’ora e mezza siamo ripartiti e andati a Torino dove ci siamo trovati con Vanni e i ragazzi.

Abbiamo preparato il set per la giornata, e dato che era la prima volta che andavamo in questo ospedale non abbiamo esgerato con le strutture e ci siamo limitati alle due moto elettriche, le rampe per saltare, il monopattino elettrico e i regali.

Una volta parlato con i capi reparto ci siamo preparati per svolgere la nostra attività. E’ sempre una grande emozione, perchè regalare sorrisi in certi ambienti non è facile, ma lo si ottiene con la semplicità.

Divertirsi e far divertire.

Lo scopo è quello di regalare dei sorrisi a questi bambini e di far svolgere loro il loro ruolo, cioè quello dei BAMBINI, che purtroppo in questo ambiente non gli viene possibile per via delle cure. Non vedono l’ora di andarsene, sono in cura e hanno le difese immunitarie abbassate per cui ogni attività è un rischio.

Capita di trovarsi di fronte a realtà che ti prendono il cuore e te lo stringono, come l’incontro avuto con la ragazzina alla quale è stato amputato uno degli arti inferiori perchè la malattia aveva deciso così, e nonostante ciò riesce a ridere e divertirsi e questo ci da tanta carica per continuare a giocare con tutti loro. La vita è bella, vale la pena lottare per le soddisfazioni che può darti. La regola è: NON MOLLARE MAI!

Come sempre quando ci si diverte il tempo vola, e anche in quell’occasione è arrivato il momento di tornare adulti e abbandonare quel ruolo che ci fa vivere spensierati. Ho voluto documentare questa giornata perchè il messaggio di altruismo e forza di volontà arrivi a più persone possibile. Anche questo per me è RIDE TO PARTY!

Anche questo è freestyle.

Alvaro Dal Farra