Era il primo di agosto, mi ero appena svegliato e seduto dietro la roccia del gabbiano,

uno dei pochi posti nella Valle della Luna dove prendeva internet.

Pochi minuti dopo ho sentito dei passi provenire da dietro i cespugli del sentiero. Mi sono girato per vedere chi fosse e ho visto Bizzo avanzare grondante di sudore con uno zaino carichissimo ed un sorriso scintillante.

Ci ho messo una decina di secondi per focalizzare la situazione, ma appena ho capito l’ho accolto e subito ci siamo diretti nella terza valle in cerca di una caverna spaziosa in cui passare alcune notti.

Durante quei giorni abbiamo girato tutte e sette le valli arrampicando, pescando e facendo amicizia con tutti gli abitanti della valle. La sera dell’8 agosto abbiamo festeggiato il mio compleanno attorno ad un faló in riva al mare cantando e suonando davanti alla fiammante luce del fuoco che si mischiava con quella della luna creando assurde sfumature.

L’energia che sprigionavano le rocce granitiche intorno a noi era accompagnata dal ritmo irrefrenabile dei bonghi e dai canti tribali degli sciamani. In tutta la valle si stava creando un’aurea davvero magica che solo chi l’ha vissuta puó capire.

All’inizio della seconda settimana Bizzo ed io abbiamo deciso di separarci per un paio di giorni.

Gabriele è riuscito a visitare le grotte di Nettuno, Stintino e Castelsardo. Io invece sono rimasto a Santa Teresa a vendere braccialetti e a svolgere alcuni lavori come raccogliere l’immondizia dalla spiaggia perchè nel frattempo ho rotto il telefono e dovevo guadagnare per poterlo ricomprare.

Durante quei giorni ho passato molto tempo con una ragazza di Milano, Matilde, che stava lavorando in un centro immersioni come guida diving nella zona.

Sono rimasto con lei per alcuni giorni

fino all’arrivo di Bizzo che una volta tornato ci ha raccontato tutto sul suo viaggio nel nord ovest della Sardegna. L’ultima settimana abbiamo alternato tra la valle e le spiagge per vendere il piú possibile, insieme a Diego, Sarr e alcune ragazze spagnole che vivevano in Valle.

La strada iniziava a chiamarci e presto saremmo dovuti partire.

Abbiamo passato l’ultima notte in Valle con Marco e Silvia discutendo sul viaggio che avremmo intrapreso lungo la costa ovest della sardegna, esplorando tutte le spiagge piú belle.

Alla prossima, living wild..

Davide.